Universitą degli studi di Catania
Università degli studi di Catania - L'Agenda

Storia di Siracusa. Economia, politica, societą

Sabato 6 giugno alle 10:30 (Palazzo Vermexio, Siracusa), presentazione del volume a cura di Salvatore Adorno

Sabato 6 giugno alle 10:30 la Sala Borsellino di Palazzo Vermexio ospiterą la presentazione del volume "Storia di Siracusa. Economia, politica, societą (1946-2000)" a cura di Salvatore Adorno, con la prefazione di Carlo Trigilia, pubblicato da Donzelli Editore nella collana di Storia e scienze sociali.

Lo storico dell'economia e della societą dell'etą moderna Maurice Aymard (Maison des Sciences de l'Homme Parigi), il sociologo Arnaldo Bagnasco (Universitą di Torino) e la storica dell'etą contemporanea Mariuccia Salvati (Universitą di Bologna) discuteranno di Siracusa tra passato e presente con il curatore del volume, docente dell'Universitą di Catania.

Gli interventi saranno preceduti dai saluti del sindaco Giancarlo Garozzo, Corrado Piccione (associazione culturale Gaetano Trigilia Caracciolo), Sebastiano Amato (Societą Siracusana di Storia Patria), Ivo Blandina (Confindustria Siracusa) e Ivan Lo Bello (Camera di Commercio di Siracusa).

Il libro, realizzato dall'associazione Gaetano Trigilia Caracciolo con il contributo della Camera di Commercio, Confindustria Siracusa e la Societą Siracusana di Storia Patria, raccoglie i saggi di Salvatore Adorno, Tommaso Baris, Roberto Bruno, Giovanni Criscione, Giovanni Cristina, Francesco Di Bartolo, Renata Giunta, Melania Nucifora, Fabio Salerno, Marco Sanfilippo e Giovanni Schininą, preannunciati nelle relazioni del convegno "Le radici del presente: Siracusa nell'Italia repubblicana", tenutosi nel maggio 2012.

Il nuovo volume propone un'indagine a tutto campo sulla storia economica, sociale e politica della cittą aretusea negli ultimi sessant'anni: la nascita e gli sviluppi dell'industrializzazione; il ruolo svolto dall'agricoltura, dal commercio, dall'artigianato e dal credito locale; l'incontro della cittą con il miracolo economico e con i movimenti collettivi degli anni Settanta, le propensioni politiche e la formazione della classe dirigente, il ruolo degli intellettuali e delle istituzioni culturali nella costruzione dei processi identitari, la crescita edilizia e l'uso del territorio. Il libro traccia un profilo tra luci e ombre della cittą, tra vecchi paradossi (il patrimonio archeologico e storico-artistico tra i pił imponenti d'Italia e uno dei pił grandi poli petrolchimici d'Europa) e nuove opportunitą (aumento dei flussi turistici, agroindustria) per ripensare un diverso modello di sviluppo.

(06 giugno 2015)

Stampa testo
Invia questo articolo
Tutti gli appuntamenti...
Archivio eventi
In prima pagina